La Crisi di Impresa e il progetto Rordorf

La Commissione Rordorf ha riscritto interamente la disciplina delle procedure concorsuali attraverso l’introduzione di meccanismi di allerta per l’emersione tempestiva delle crisi aziendali, della limitazione del ricorso al concordato preventivo, dell’estensione della possibilità di accesso all’accordo di ristrutturazione dei debiti con gli intermediari finanziari introdotto dal D.L. 83/2015 e la definizione di una specifica disciplina della crisi dei gruppi d’imprese.

I lavori della Commissione sono stati recepiti dal Consiglio dei Ministri che ha dato il via libera al disegno di legge delega per la riforma e il riordino delle procedure concorsuali.

Tra le novità si segnalano:

  • Specializzazione dei Giudici e Tribunali delle Imprese
  • Procedura extragiudiziale di allerta e di composizione assistita della crisi
  • Interventi in materia di accordi di ristrutturazione
  • Interventi in materia di concordato preventivo
  • Potenziamento delle procedure di esdebitazione

Per ogni argomento seguiranno specifici approfondimenti nei prossimi post.

Servizi per le Aziende

  • recupero crediti;
  • contrattualistica;
  • marchi e brevetti;
  • pratiche amministrative presso gli Enti Pubblici;
  • assistenza per partecipazione bandi, richieste di finanziamento;
  • privacy compliance

info@avvocatocolzani.it

La filosofia dello Studio

Il mio modus operandi può essere agevolmente sintetizzato richiamando le citazioni di un grande Maestro per chiunque si occupi di diritto, Piero Calamandrei

Non ego sic plumas evellere quaero clienti, felix ni raperet perfidus ille meas (cit.)
Io non aspiro a pelare i miei clienti come questo pollo, ma chiederei solamente che quei birbanti di clienti non pelassero me….

Disse il cliente, nello scegliersi il difensore: “Eloquente e furbo: ottimo avvocato!”. Disse il giudice, nel dargli torto: “Chiacchierone e imbroglione: avvocato pessimo!”

Utile è quell’avvocato che parla lo stretto necessario, che scrive chiaro e conciso, che non ingombra l’udienza colla sua invadente personalità, che non annoia i giudici colla sua prolissità e non li mette in sospetto colla sua sottigliezza: proprio il contrario, dunque, di quello che certo pubblico intende per “grande avvocato”.