WhatsApp Business – richiedere un appuntamento

Segui il link per scrivermi su WhatsApp: https://wa.me/393402984829
Utilizzabile unicamente per richiedere appuntamenti in Studio – per approfondimenti o consulenze usare la mail info@avvocatocolzani.it o chiamare in studio al 0341/1880928.
Grazie per la collaborazione.

Servizi Legali e Fiscali – in collaborazione col Dott. Stefano Congiusti

Servizi Legali e Fiscali 

Consulenza legale fiscale in materia di successioni ereditarie 

  • Predisposizione ed invio dichiarazioni di successioni; 
  • Contenzioso legale in materia di successioni; 
  • Analisi e soluzioni su Polizze vita e rapporti bancari; 
  • Assistenza su mediazioni/negoziazioni in materia di divisione ereditaria. 

*** 

  • Assistenza Legale in materia di sinistri stradali e malasanità. 

Professionisti di riferimento: 

Avv.to Colzani Edoardo – Tel.: 03411880928 – info@avvocatocolzani.it 

Dott. Congiusti Stefano – Tel.: 3462477448 – stefanocongiusti@gmail.com

Fondo Indennizzo Risparmiatori (FIR) – truffati dalle banche

La legge del 30 dicembre 2018 n.145 ha istituito presso il Ministero dell’economia e delle finanze il Fondo Indennizzo Risparmiatori (FIR), chiamato ad indennizzare i risparmiatori che hanno subìto un pregiudizio ingiusto da parte di banche e controllate con sede legale in Italia, poste in liquidazione coatta amministrativa dopo il 16 novembre 2015 e prima del 1° gennaio 2018Il Fondo indennizzerà i risparmiatori danneggiati dalle banche e loro controllate con sede legale in Italia, poste in liquidazione coatta amministrativa dopo il 16 novembre 2015 e prima del 1° gennaio 2018, a causa delle violazioni massive degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza, buona fede oggettiva e trasparenza previsti dal Testo Unico delle disposizioni in materia di Intermediazione Finanziaria (TUF), di cui al decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58.

Per una consulenza in studio: info@avvocatocolzani.it

Bitcoin e profili di rischio: brevi cenni

Il fenomeno dei bitcoin sconta in Italia l’assenza di regolamentazione.

A farne le spese sono gli utenti, che possono, pertanto, trovarsi esposti a  ingenti perdite economiche dovute a condotte fraudolente degli operatori o ancor peggio al fallimento delle piattaforme on-line di scambio presso cui vengono custoditi i portafogli digitali personali.

I rischi in capo all’utente attengono alla mancanza di adeguata informazione oltre che di trasparenza.

Le piattaforme di scambio dei bitcoin sono esposte a elevati rischi operativi e di sicurezza. E del resto, le stesse non sono tenute ad alcuna garanzia di qualità del servizio, né devono rispettare requisiti patrimoniali o procedure di controllo interno e gestione dei rischi, con conseguente elevata probabilità di frodi ed esposizione al cybercrime.

Ripresa attività e nuovi settori

Riprendono da oggi le attività di studio.

Con il mese di settembre intendo implementare, oltre ai tradizionali settori di studio (gestione della crisi, contenzioso bancario, esecuzioni e procedure) i seguenti nuovi settori:

  • diritto penale, con specifico riguardo ai reati economici;
  • diritto degli appalti.

Competenze specialistiche, formazione professionale

7 febbraio28 marzo

Pagamento bolli fatture elettroniche

L’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile, nel portale Fatture e Corrispettivi, il servizio che consente all’operatore Iva di verificare il calcolo ed effettuare il pagamento dell’imposta di bollo dovuta sulle fatture elettroniche trasmesse attraverso il Sistema di Interscambio (SdI), secondo quanto previsto dal decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 28 dicembre 2018.
In particolare, per le fatture elettroniche emesse via SdI nel trimestre di riferimento, il servizio consente di visualizzare il numero di documenti per i quali è stato indicato l’assolvimento dell’imposta di bollo e l’importo complessivo del tributo dichiarato.
Il servizio permette, se necessario, di modificare il numero delle fatture per le quali deve essere assolta l’imposta di bollo e calcola di conseguenza l’ammontare del tributo complessivamente dovuto.
Il pagamento può essere effettuato, tramite lo stesso servizio, con addebito sul proprio conto corrente bancario o postale. In alternativa, può essere generato il modello F24 già precompilato, per poi effettuare il pagamento secondo le istruzioni della risoluzione n. 42/E del 9 aprile di quest’anno, che ha istituito gli specifici codici tributo.
Si ricorda che, ai sensi del citato decreto del 28 dicembre 2018, Il pagamento dell’imposta relativa alle fatture elettroniche emesse in ciascun trimestre solare è effettuato entro il giorno 20 del primo mese successivo. Pertanto, per le fatture elettroniche emesse nel primo trimestre 2019, il pagamento deve essere effettuato entro il 23 aprile, tenuto conto che il giorno 20 aprile è sabato e dei successivi giorni festivi.
Per approfondire le funzionalità del servizio, sarà possibile consultare l’area Info&Assistenza – box Consultazione del portale Fatture e Corrispettivi.

Roma, 11 aprile 2019

https://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/agenzia/agenzia+comunica/comunicati+stampa/tutti+i+comunicati+del+2019/cs+aprile+2019/cs+11+aprile+2019+servizio_online+pagamento+bollo+fe