Accesso alla legge 3/2012 – Sovraindebitamento incolpevole

Nel concetto di “sovraindebitamento incolpevole” vanno ricompresi tutti quei casi in cui il consumatore rimane suo malgrado vittima di una avversa evenienza economica o comunque di un accadimento che ha compromesso la sua capacità di produrre reddito, come ad esempio un grave infortunio che ha determinato una inabilità al lavoro, la perdita dell’impiego per cause non imputabili al debitore, una perdurante difficoltà o impossibilità a recuperare i propri crediti professionali. Si tratta delle cosiddette sfortunate fatalità, che il consumatore dovrà documentare all’OCC.

Debiti con Equitalia? La soluzione è il Piano del Consumatore

Il Tribunale di Busto Arsizio in data 16 settembre 2014 ha omologato un piano del consumatore ex legge 3/2012 nel quale l’unico creditore era rappresentato da Equitalia.

Nel caso di specie il debito verso Equitalia era di 86.000 euro. Il Consumatore ha proposto un piano che prevedeva un pagamento a Equitalia di circa 11.000 euro, ricavati dalla vendita di una porzione di immobile di proprietà del consumatore/debitore.

Il Piano è stato omologato dal Tribunale.

La Cassazione sul “giocatore-consumatore”

Si segnala un’interessante pronuncia della Cassazione civile, sez. VI 08 luglio 2015, n. 14288 che, decidendo su una questione relativa al Foro competente, si è interrogata sull’applicabilità della nozione di “consumatore”, con tutte le conseguenze giuridiche che ne discendono, al soggetto dedito al gioco e alle scommesse. La Cassazione ha ritenuto di dover inquadrare come consumatore il giocatore sulla base del fotto che egli non ha in genere una piena ed effettiva conoscenza del regolamento di gioco, il cui contenuto è in genere “subito” dal giocatore stesso.

Mutui e vendita dell’immobile…

L’articolo 120-quinquiesdecies è contenuto in un decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2014/17/UE in merito ai contratti di credito ai consumatori relativi a beni immobili residenziali nonché modifiche e integrazioni del titolo VI-bis del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, sulla disciplina degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi e del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141.

Esso è oggetto in questi giorni di un acceso dibattito parlamentare, che ha creato non poche preoccupazioni tra i cittadini.

L’articolo, al comma 3, prevede che le parti possono convenire espressamente, al momento della conclusione del contratto di credito o successivamente, che in caso di inadempimento del consumatore la restituzione o il trasferimento del bene immobile oggetto di garanzia reale o dei proventi della vendita del medesimo bene comporta l’estinzione del debito, fermo restando il diritto del consumatore all’eccedenza. Il valore del bene immobile oggetto della garanzia è stimato da un perito scelto dalle parti di comune accordo con una perizia successiva all’inadempimento.

Per meglio comprendere gli sviluppi dell’iter legislativo e le problematiche sottese all’approvazione di un tale articolo, si invita a prendere appuntamento per una consulenza: info@avvocatocolzani.it

Atto di precetto: il richiamo al piano del consumatore

L’atto di precetto notificato al debitore contiene la seguente formula: con avvertimento che, in difetto di pagamento nel termine di gg. 10 dalla notifica del presente atto, si procederà ad esecuzione forzata; altresì si avverte, ex art. 13 del d.l. 83/2015, che il debitore può, con l’ausilio di un organismo di composizione della crisi o di un professionista nominato dal giudice, porre rimedio alla situazione di sovraindebitamento concludendo con i creditori un accordo di composizione della crisi o proponendo agli stessi un piano del consumatore.

Una volta ricevuto il precetto il debitore può dunque valutare il ricorso a un accordo di composizione della crisi o al cosiddetto “piano del consumatore”.

Le applicazioni di questo nuovo istituto sono ancora poche ma sicuramente si tratta di un interessante e utile strumento finalizzato all’esdebitazione.

Per approfondimenti: info@avvocatocolzani.it

Commercio Elettronico e diritto di recesso

L’Italia ha recepito i contenuti della direttiva europea n. 2011/83, che sono diventati vincolanti per tutti i contratti conclusi successivamente al 13 gennaio 2014. Il recepimento è avvenuto col decreto legislativo 21/2014, entrato in vigore il 26 marzo. La normativa va a incidere sulla disciplina del codice del consumo e conseguentemente anche sugli adempimenti in capo ai titolari di siti e-commerce – ragion per cui vi invito a leggere attentamente quanto segue.

Una delle principali novità attiene alle modalità di recesso dal contratto. Cambia infatti il tempo a disposizione per esercitare il diritto di recesso, non più solo 10 giorni bensì 14 giorni dalla data di sottoscrizione del contratto o dalla data in cui il consumatore acquisisce il possesso fisico dei beni. Prima della scadenza del periodo di recesso, il consumatore deve informare il professionista della sua decisione di recedere dal contratto. Il consumatore può recedere avvalendosi di un apposito modulo, oppure scrivendo di proprio pugno una dichiarazione esplicita in cui manifesta la volontà di recedere dal contratto. La comunicazione del recesso deve essere inviata prima della scadenza del periodo di recesso.

L’esercizio del recesso pone termine agli obblighi delle parti di dar seguito al contratto e alle rispettive obbligazioni. Il tempo a disposizione per esercitare il diritto di recesso nel caso di vendite a distanza (su internet, via telefono ma in genere fuori dal negozio) aumenta, come visto, da 10 a 14 giorni. Tuttavia si può arrivare anche ad un anno e 14 giorni se il venditore non ha adeguatamente informato il consumatore sull’esistenza del diritto stesso. In caso di violazione degli obblighi informativi il consumatore non deve sostenere neppure il costo diretto di restituzione dei beni.

I commercianti devono informare chiaramente e preventivamente i consumatori che i costi di restituzione delle merci in caso di ripensamento sono sostenuti dai clienti, altrimenti tali costi rimarranno a loro carico. Prima della vendita, deve essere fornita una chiara stima dei costi massimi di resa di merci ingombranti (ad esempio un divano acquistato via internet o per corrispondenza), così che il consumatore possa decidere in modo informato da chi acquistare. In caso di recesso, il professionista deve adempiere ai seguenti obblighi: rimborsare tutti i pagamenti ricevuti dal consumatore (eventualmente comprese le spese di consegna) senza ritardo e in ogni caso entro 14 giorni dal recesso (attualmente 30) e dovrà coprire anche le spese di consegna ORIGINARIE e quindi restano escluse le spese di restituzione del bene. Nel caso il consumatore sceglie espressamente un tipo di consegna diverso da quello meno caro, i costi supplementari non saranno rimborsati. Il rimborso, di norma, deve avvenire con lo stesso mezzo di pagamento utilizzato dal consumatore all’atto dei suoi pagamenti. Il fornitore potrà comunque non effettuare il rimborso fino al momento della ricezione della merce

E’ nulla qualsiasi clausola che prevede limitazioni al rimborso nei confronti del consumatore delle somme versate.

Il consumatore invece è tenuto a provvedere senza indebito ritardo (e in ogni caso entro 14 giorni dalla data in cui ha comunicato la sua decisione di recesso) alla restituzione dei beni. Il costo diretto della restituzione è a carico del consumatore, salvo diversi accordi col professionista o salvo che il professionista non abbia dato adeguata informazione di ciò al consumatore. Il consumatore è responsabile della diminuzione del valore dei beni derivante da una manipolazione dei beni diversa da quella necessaria per stabilire la natura, le caratteristiche e il funzionamento dei beni.